Miniesercizio 28 – Bolle


Anche oggi vi proponiamo il Miniesercizio!
Inventate una storia tra le 10 e le 200 parole avendo a disposizione:
– Un vecchio saggio
– Un tulipano
– La foto seguente
chandelier-2306308_1920
Scrivete la vostra storia qui sotto nei commenti! Buon divertimento!
Annunci

4 pensieri su “Miniesercizio 28 – Bolle

  1. Si diceva nel villaggio che un vecchio saggio abitasse, ormai da molti anni, sulla cima di una montagna.
    Nessuno lo cercava più e la gente lo aveva pian piano dimenticato.
    La leggenda raccontava che all’ingresso della caverna si trovava un tulipano.
    Raccogliere il fiore dai colori del tramonto non era facile. Si poteva farlo solo risolvendo l’enigma che il vecchio saggio proponeva.
    Tuanpè era un giovanotto, forte, vigoroso. Un giorno la sua mamma si ammalò, allora Tuanpè chiese “Cosa posso fare per aiutarti?”
    “Mi piacerebbe vedere, per l’ultima volta, il tulipano leggendario…mi darà conforto” rispose la madre.
    Tuanpè si mise in cammino, arrivò sulla cima della montagna.
    Il vecchio saggio era lì e il tulipano brillava in tutto il suo splendore.
    “Sei venuto per il tulipano?”
    lo interrogò il vecchio saggio.
    “Sì, sono pronto per il tuo enigma”.
    Il saggio prese tre lampade dai riflessi rossi, cangianti e gliele porse.
    “Ogni lampada nasconde una fiamma, tu dimmi quali sono quelle che alimentano queste tre lampade…”
    Tuanpè si sedette e fissò quelle strane luci fino al mattino seguente.
    Poi d’improvviso esordì dicendo
    “Vecchio saggio ho forse trovato la soluzione.”
    “Parla” tuonò il saggio.
    “La fiamma della prima lampada è l’amore, perchè arde forte e conferisce alle altre lampade un colore più intenso.
    La fiamma della seconda è il sacrificio perché quest’ultima alimenta le altre due”.
    “E qual è la terza?”
    “La terza è la fiamma del dolore perchè dona alla lampada colori che sono i complementari di quelli delle restanti lampade…”
    “Il tulipano è tuo” rispose il saggio.
    Tuanpè raccolse il tulipano e lo portò da sua madre, ma riuscì a guardarlo per pochi attimi.
    Mentre Tuanpè piangeva, pensò al vecchio saggio.
    In quel momento sentì ardere dentro di sè la forza dell’amore, la potenza del sacrificio, il vigore del dolore.
    Da allora, da quell’unico tulipano, coltivò con cura distese meravigliose che ricordano al mondo quel dolce miracolo, chiamato vita.

    Liked by 1 persona

  2. Chiara era partita per il grande viaggio, quello sognato da una vita. Arrivata a destinazione sui contrafforti dell’India al confine tibetano, si fermò a Shimla. A 2100 metri si respirava l’aria frizzante del Himalaya e il fascino dell’India profonda. Con lo zaino in spalla, guardata con sospetto si agirò per strade polverose fino a giungere a una costruzione bassa dal tetto rosso. Si avvicinò, assalita da un nugolo di scimmie. Un terrore folle si impadronì di Chiara, che si rifugiò all’interno, che era debolmente rischiarato da lampade rosseggianti appese al soffitto basso. Un morbido tappeto attutiva i suoi passi. Si guardò intorno alla ricerca di una presenza umana. In un angolo stava una statua impressionate da vedere: colore scuro del viso, occhi arrossati, lingua sporgente e un terzo occhio. L’espressione aggressiva con quattro braccia che parevano mulinare per la sala rendeva l’atmosfera carica di tensione.
    Chiara sobbalzò per il tocco leggero sulla spalla, girandosi di scatto. Un uomo esageratamente vecchio e canuto le faceva segno si sedersi davanti a lui.
    «Tu sei alla ricerca del fiore della felicità e del simbolo della saggezza. Un calice colorato come questo» e le pose in mano qualcosa che assomigliava a un tulipano bianco.

    Liked by 1 persona

Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...