#Micronarralo – 270


Anche oggi vi proponiamo il tema per il #Micronarralo! Speriamo vi piaccia!

#MICRONARRALO:

Scrivi un microracconto (su twitter o qui nei commenti), di massimo 140 caratteri, che tratti del tema di oggi e inserisci: #Micronarralo nel tuo tweet! Aggiungi #scritturebrevi  ovviamente! Puoi mettere i tag #Micronarralo e #scritturebrevi in un tweet a parte collegandolo.

Tema del #Micronarralo di oggi:

LA RAGNATELA E IL CALZINO

Importante: creare una storia, non un aforisma.

Se non ti bastano i caratteri e vuoi creare qualcosa di più lungo non limitarti! Gioca lo stesso! Pubblica la tua storia nei commenti o sui tuoi canali e inserisci il link al nostro esercizio!

 

Annunci

3 pensieri su “#Micronarralo – 270

  1. LA RAGNATELA E IL CALZINO

    Nel negozio, calze e calzini facevano bella mostra di se, tutti ben disposti sul banco, simili ad una ragnatela multicolore di cotone e lana. Tutti fieri d’esser calze e servire ai piedi di chiunque ne avesse necessità. Tutti, tranne uno. Il piccolo calzino grigio, non partecipava alla ragnatela: abbandonato in un angolo dello scaffale, a ridosso d’un paio di guanti in lana. A lui andava bene così.
    In fondo la su aspirazione era quella di coprir mani ed essere libero, non racchiuso in scarpe senza nulla vedere del mondo circostante

    Mi piace

    • Forse perché non era stato appuntato per bene o forse per un colpo di vento particolarmente impetuoso, sta di fatto che un calzino grigio, morbido, di cotone quasi impalpabile si staccò dal filo. La sua corsa venne fermata da una ragnatela ben costruita tra due muri di recinzione. Il ragno, in attesa dietro l’angolo, appena sentì i fili tendersi tra le sue zampe si precipitò verso la ragnatela. «Caccia grossa oggi» pensò avvicinandosi. Ora proviamo per un attimo ad immaginare la faccia di quel ragno quando al posto di una mosca, di un coleottero o di una farfalla ha scoperto che nella sua ragnatela vi era intrappolato un morbido, grigio, impalpabile calzino di cotone.

      Mi piace

  2. L’ha ribloggato su Il diario di cartae ha commentato:
    Faceva freddo, ed il ragno volle tessere un calzino per ogni suo piedino, così da tenerli al caldo. Cominciò, pazientemente: il primo pareva di seta, tanto era sottile e iridescente. Questo lo incoraggiò e in men che non si dica camminava su scarpette di cristallo.

    Mi piace

Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...