#Micronarralo – 271


Anche oggi vi proponiamo il tema per il #Micronarralo! Speriamo vi piaccia!

#MICRONARRALO:

Scrivi un microracconto (su twitter o qui nei commenti), di massimo 140 caratteri, che tratti del tema di oggi e inserisci: #Micronarralo nel tuo tweet! Aggiungi #scritturebrevi  ovviamente! Puoi mettere i tag #Micronarralo e #scritturebrevi in un tweet a parte collegandolo.

Tema del #Micronarralo di oggi:

L’IMMAGINAZIONE DI CARMELINA

Importante: creare una storia, non un aforisma.

Se non ti bastano i caratteri e vuoi creare qualcosa di più lungo non limitarti! Gioca lo stesso! Pubblica la tua storia nei commenti o sui tuoi canali e inserisci il link al nostro esercizio!

 

Annunci

4 pensieri su “#Micronarralo – 271

  1. L’IMMAGINAZIONE DI CARMELINA

    Carmelina viaggia.
    Carmelina scopre.
    Carmelina vive.
    Eppure è curva in quei campi,
    Sopporta stanchezza e i crampi
    Che le prendono la pancia
    Mente raccoglie arancia.
    Domani saranno pomodori
    O anche frutti d’altri colori…
    È stanca da morire
    E per non impazzire
    Tiene a bada la depressione
    Usando la sua immaginazione

    Mi piace

  2. L’immaginazione di mia cognata Carmelina è molto fervida. Pensando alla sua pensione vagheggia di tempo libero a volontà, soldi in giusta misura, salute in abbondanza, cene con gli amici, vacanze con i nipoti ecc ecc. Ho cercato di riportarla alla realtà, di farle intendere che i suoi sono solo sogni irrealizzabili, ma non c’è niente da fare, lei insiste.
    A volte l’immaginazione della gente non ha confini…

    Mi piace

  3. L’immaginazione di Carmelita

    Un gioco lontano, un ricordo sbiadito dal correre del tempo fotografato e reso immobile, così effimero e così eterno, dentro quell’istantanea ormai ingiallita e trapassata. Vagava velocemente l’immaginazione di Carmelita, vigorosa ed energica, luminosa come un fulmine nel mezzo della tempesta fa risplendere le nuvole irradiando la sua forza, indietreggiando fin alla sua infanzia, quel tempo ormai perduto ma sempre conservato e conservabile gelosamente, imprigionato nel cuore, nella mente e nel corpo di Carmelita come di ognuno di noi. Cerchiamo di rimanere bambini. Almeno un pò.

    Mi sono permesso di cambiare in Carmelita, il suffisso spagnoleggiante mi convinceva di più!

    Mi piace

Commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...